Lo stato fisico e mentale irreversibile coincide con la fase terminale?

Fonte:
Clic Medicina - Periodico on-line - portale medico
www.clicmedicina.it

MALATTIA TERMINALE
Il paziente in stato vegetativo può restare in vita per anni con una assistenza minima. Pertanto, il paziente in stato vegetativo non può essere identificato in alcun modo, con un malato terminale, caratterizzandosi come un grave disabile che richiede solo un’accurata assistenza di base, analogamente a quanto avviene in molte altre situazioni di lesioni gravi di alcune parti del cervello che limitano la capacità di comunicazione e di auto-sostentamento.