sedazione terminale/palliativa

Raccomandazione della SICP (società Italiana di Cure Palliative) sulla Sedazione Terminale/Sedazione Palliative (ST/SP)

[...] Nell’ambito delle cure palliative, il ricorso alla sedazione per il controllo di sintomi refrattari nelle fasi terminali delle malattie neoplastiche ha portato all’uso tradizionale dell’ espressione Sedazione Terminale, che però è stata recentemente criticata in quanto può prestarsi a interpretazioni non univoche: l’aggettivo “terminale”, infatti, può essere inteso sia come elemento prognostico riferito alla fase della malattia sia come definizione riferita alla irreversibilità dell’intervento sedativo. Per questi motivi è stato proposto il termine di Sedazione Palliativa. In questo Documento verrà utilizzata la denominazione ST/SP per valorizzare
rispettivamente gli aspetti della terminalità della malattia e della finalità palliativa di controllo dei sintomi.
[...] Definizioni
Per ST/SP si è sinora intesa: “la riduzione intenzionale della vigilanza con mezzi farmacologici, fino alla perdita di coscienza, allo scopo di ridurre o abolire la percezione di un sintomo, altrimenti intollerabile per il paziente, nonostante siano stati messi in opera i mezzi più adeguati per il controllo del sintomo, che risulta, quindi, refrattario”.[...]